art & design

Art | Pino Zac: alcuni disegni inediti del grande artista scomparso 30 anni fà

Il turista straniero

Il turista straniero

Artista unico, caratterizzato da un segno inconfondibile, fu profondamente legato agli eventi storici che coinvolsero l’Italia e l’Europa della sua epoca. Spirito libero e irriverente fu bersaglio di interminabili serie di denunce: oltraggio a capo di Stato, vilipendio alla religione, alla magistratura, denunce per oscenità.

Con ragione Dario Fo così lo ricorda: “In Francia era considerato una delle penne più feroci… dissacrante, anticlericale, anarchico convinto, ha avuto la forza di mantenere la sua posizione di uomo indipendente e incorruttibile. Il suo credo l’ha spinto a essere ‘contro’, sempre, comunque e senza paura”.

Pino Zac fu forse l’unico disegnatore italiano a trovarsi a suo agio tanto su temi internazionali che nazionali e per questo mai come oggi, guardando alla triste fine della nostra satira, ci rendiamo conto quanto la sua figura manchi in un panorama politico incerto e di bassissimo profilo come quello che viviamo.

IMG_9071

Una sua vignetta, raffigurante George Pompidou con al posto del pene un fungo atomico, gli impedì a lungo di poter mettere piede in Francia (e a leggerlo oggi ci vengono i brividi… ndr).

Chi lo conosceva sa che era un artista vulcanico e imprevedibile e tra coloro che lo ricordano sempre con sconfinato affetto c’è l’artista romana Nicoletta Ferrari che ne conserva gelosamente alcuni disegni e bozzetti a lei dedicati che ci offre di pubblicare.

IMG_9072

IMG_9069

IMG_9068

Roma, Piazza del popolo

Da un post su NewsCinecittà.com

Le immagini di quella casa-studio impolverata, vuota e abbandonata dal 1985 quando il suo proprietario morì è la metafora della vicenda artistica di Pino Zac, nome d’arte del siciliano Giuseppe Zaccaria, maestro della satira dimenticato e rimosso. “Un profugo della matita”, come si definiva, che ha sempre messo alla berlina il potere in tutte le sue forme e i suoi rappresentanti. Non a caso è stato il creatore dell’indimenticabile e cattivissima testata satirica ‘il Male’, nata nel febbraio ’78 sulla scia del movimento del ’77.

Zac-I fiori del male di Massimo Denaro, prodotto dal CSC Scuola nazionale di cinema-sede Abruzzo e presentato nella sezione ‘Il cinema nel giardino”, colma un vuoto e ricostruisce la vicenda artistica di un grande disegnatore, affidata alle testimonianze di compagni di lavoro come Vincino, Jacopo Fo, Vauro Senesi, Vincenzo Sparagna, Riccardo Mannelli, Valter Zarroli, e la ex moglie Drahomira Biligova.

“Io sono un anarchico libertario neofeudale conservatore di estrema sinistra. Insomma, riassumendo, sono un anarchico. Mi sono simpatici gli ecologisti, i movimenti radicali. Mi accusano di essere un qualunquista. E’ un’accusa senza senso, vaga. Che cosa significa? E’ una parola che esiste solo in Italia”, diceva di sé Zac.

Il primo incontro del regista Denaro con la sua figura è alla facoltà di Architettura “Valle Giulia” di Roma dove alcuni studenti e professori ricordano l’indipendenza e l’incorruttibilità dell’artista. Poi nell’inverno 2013 Denaro entra nell’ultima casa di Zac, un castello in abbandono, ora proprietà del Comune aquilano di Fontecchio, e l‘accompagna nella visita, che ritroviamo nel documentario, Zarroli collaboratore di Zac.

Il successivo incontro è al cinema Trevi dove la Cineteca nazionale organizza una serata su Zac. E’ allora che prende corpo l’idea di un film documentario sull’artista dimenticato. Zac è stato oltre che disegnatore satirico per diverse testate – l’Unità, Paese Sera, Mondo Nuovo e la prestigiosa rivista francese Le Canard Enchainé – anche l’autore di cartoon, tra cui L’uomo in grigio, nomination agli Academy Awards, e Il cavaliere inesistente, tratto da Italo Calvino, una produzione importante dell’Istituto Luce nella quale gli attori veri interagiscono e si muovono dentro le scene animate da Zac.

E’ inoltre il fondatore instancabile di testate, tra cui il settimanale satirico ‘il Male’, che segna una svolta nella satira nazionale dopo anni di censura e di sterilizzazione, e di cui Zac fu direttore soltanto dei primi tre numeri, andandosene poi per questioni amorose. Se ne va a Parigi, ma lascia un disegno del leader democristiano Aldo Moro con la faccia trasformata in fallo che sarà la copertina del numero 3 del ‘Male’ in edicola proprio nei giorni in cui l’esponente politico viene rapito dalle Brigate rosse.

E’ la riprova dello stile tagliente e graffiante di Zac che ridicolizza politici, militari, prelati, a cominciare dal Papa, e i potenti di turno.

4 risposte »

  1. 家を持っている人間にとって、大変参考になるBlogの内容でした。ありがとうございました。このページの記事を読んで、感服しました。大変興味深い記事でした。塗料にもいろいろあって、断熱機能を持ったものもあるのですね 家の熱はその半分以上は窓、壁から入ってきます、なので、外壁に熱を反射するものを塗ればかなりの断熱作用が期待できますね。

  2. Great post. I was checking continuously this blog
    and I’m impressed! Very useful information specifically the last phase 🙂 I deal with such
    information much. I was looking for this particular information for
    a long time. Thanks and good luck.

  3. Pingback: Press Reviews

Rispondi